Volee.it https://img.volee.it/assets/www/volee-new-logo.png
Corda DoubleAR Twice Shark calibro 1.25: il nostro test DoubleAR,DoubleAR Shark,Test,Recensione,Prova,Corde,Mono
  • domenica 15 gennaio 2017
  • Test Materiali
Corda DoubleAR Twice Shark calibro 1.25: il nostro test

La corda

La DoubleAR Twice Shark è una corda monofilamento a sezione circolare costituita da una strutturata in co-poliestere con olefine e indicata dalla Tennis Warehouse University come uno dei mono in poliestere più confortevoli sul mercato.

E' una corda bicolore nera e argento ed è disponibile nel calibro 1.25mm.

Della gamma "Twice" fanno parte anche le Viper (calibro 1.20 e colori grigio / verde smeraldo) e le Dragon (calibro 1.30 e colori grigio / rosso).

Prezzo indicativo: 7 euro circa a matassina di 12 metri.


Il setup della prova

Abbiamo provato le Shark su una Yonex Ezone Ai 98 indordate rigorosamente a 4 nodi e tirate a 21kg di tensione.


Durata/Stabilità tensione corde

Buona durata generale, circa 6 ore a pieno regime e giocabili per ulteriori 2/3 ore.
Il range di tensioni consigliato dalla casa è tra i 20 e i 22Kg con un pre stretch del 10% (io non sono un grande amante del pre stretch sui mono, come già scritto durante altre prove, quindi ho preferito non eseguire questa operazione).


Potenza

La serie "Twice" è probabilmente "meno agonistica" rispetto alla corde DoubleAR recensite fino a questo momento (Diablo, Raptor e WTS).
La Shark aiuta il giusto in fase di spinta permettendo al tennista di dare velocità di palla senza eccedere e rendere difficoltoso il controllo del colpo.
E' una corda giocabile da più categorie di tennisti e non è "elitaria" come le "cugine" precedentemente citate. 


Controllo

Il controllo è buono.
Si riescono a controllare bene tutte le tipologie di colpi, meglio se "piatti" o comunque poco arrotati.


Sensibilità e comfort

Ottimo il comfort e la sesibilità.
La Shark ritorna un sensazione di "morbidezza" che la rende uno dei mono più "gentili" (almeno a sensazione) presenti sul mercato (così come le altre corde che fanno parte della serie Twice).
Articolazioni varie del braccio ringraziano!
Molto buono il "tocco" che si genera sui colpi di fino.


Spin

Per lo spin meglio optare su altri armeggi.
E' consigliata più per un gioco classico che arrotato pur restando, secondo noi, la corda della serie Twice più orientata alle rotazioni.


Conclusioni

La Shark è una corda "gentile" che si adatta a più categorie di tennisti dal gioco "classico".

Ottimo il comfort e molto buona la sensibilità; buono il controllo e la potenza. 
Non è una corda per "arrotini".

Ottimo il rapporto qualità/prezzo (circa 7 euro per 12 metri).

Validissima alternativa alle Sonic Pro e alle Adrenaline.

Nota "negativa": la doppia colorazione rende molto bene a livello estetico ma risulta "stancante" in fase di incordatura :-).


Le corde DoubleAR sono disponibili da QualityTennis (in particolare il modello della prova lo trovate qui) che ringraziamo per la concessione del materiale che utilizziamo per i nostri test.

 



comments powered by Disqus